BEST-BEFORE

BEST-BEFORE è il risultato di un’esperienza di impresa simulata resa possibile grazie al Progetto IntrapPrendere-Bellacoopia, una proposta di Legacoop per favorire la diffusione dei principi della cooperazione fra i ragazzi e le ragazze delle scuole superiori della Regione Emilia Romagna e promuovere lo spirito imprenditoriale progettando cooperative innovative. Le stesse idee, inoltre, parteciperanno anche alla finale del percorso BE SUSTAINABLE! a Bologna il 5 giugno p.v., un’altra iniziativa che premia i progetti in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 promosso da Legacoop Emilia-Romagna all’interno del Festival dello Sviluppo Sostenibile 2018 di ASVIS.

L’idea della nostra cooperativa nasce per rispondere a uno dei problemi più attuali e discussi a livello mondiale: lo spreco di cibo. La nostra impresa è impegnata, infatti, nella realizzazione di un servizio di ristorazione all’insegna della sostenibilità e del rispetto per l’ambiente e le persone.  

Con l'obiettivo di diminuire lo spreco di cibo, BEST-BEFORE acquista le materie prime necessarie alla preparazione dei menu da supermercati, rivenditori all’ingrosso e produttori locali, scegliendo quanto più possibile prodotti prossimi alla scadenza, danneggiati nella confezione o imperfetti esteticamente, ma ancora perfettamente edibili e adatti alla trasformazione in cucina, che altrimenti sarebbero stati buttati.

BEST-BEFORE si rivolge a persone di ogni età che desiderino mangiare buon cibo e prodotti genuini ad un prezzo contenuto e che dimostrino sensibilità e rispetto per l’ambiente, ma anche a chi ama la novità e la varietà. I menù proposti, sempre diversi e creativi a seconda delle materie prime disponibili, stuzzicano la curiosità di chi ama sperimentare nuovi abbinamenti e nuovi sapori.

Dal punto di vista giuridico-amministrativo ognuno ha un proprio ruolo nella gestione dell’impresa, chi nell’amministrazione, chi nel marketing, ma nella vita di tutti i giorni i soci svolgono tutte le mansioni connesse all’attività di ristorazione: ci sono cuochi creativi e aiuto cuochi, instancabili lavapiatti, baristi con grande capacità di intrattenimento e coinvolgimento, veloci e preparati camerieri, addetti al ritiro merce efficienti e mattinieri e altri impegnati nella promozione di eventi e showcooking presso la sede di BEST-BEFORE o presso le diverse location suggerite dai clienti.

L’ambiente che abbiamo immaginato per BEST-BEFORE è quello di un ex-spazio industriale recuperato, ad uso civile, con arredi preferibilmente provenienti dai mercatini dell’usato, che suggerisca un utilizzo etico delle risorse.

Ridurre le perdite e lo spreco alimentare significa ridurre l’impatto che la produzione alimentare ha sull’ambiente, in termini di sfruttamento di risorse umane, di  energia e acqua e di impatto ambientale dovuto all’emissione di CO2. Inoltre, la quantità di cibo che non viene utilizzato produce grandi masse di rifiuti, il cui smaltimento provoca ulteriori danni all’ambiente e determina costi elevati per la comunità.

Ma indicativamente quanto risparmiamo riducendo lo spreco di cibo? Ad esempio per la produzione di ortaggi, pesce, frutta e pane sono necessari in media 2.300 litri d’acqua al chilo. Inoltre, mentre questi alimenti vengono prodotti, vengono emessi 0,75 chili di CO2. L’impatto della carne è molto più grande: per un chilo di carne sono necessari in media 10.125 litri d’acqua e vengono rilasciati 15 chili di CO2 nell’atmosfera. Considerando questi dati e il fatto che un terzo di tutto il cibo prodotto sia sprecato lungo la filiera è facile immaginare che l’impatto dei rifiuti alimentari sia enorme.

BEST-BEFORE riconosce nel Goal 12 dell’Agenda 2030 la propria mission, cioè la promozione di modelli sostenibili di produzione e consumo che l’azienda realizza con il proprio impegno nell’intento di  ridurre lo spreco pro capite di rifiuti alimentari.

Raggiungere una gestione sostenibile e un uso efficiente delle risorse naturali risulta essere fondamentale per realizzare quella solidarietà intergenerazionale che caratterizza l’azienda cooperativa.

Inoltre, la  scelta di BEST-BEFORE sostiene:

-  il Goal n. 2, per sconfiggere la fame, seguendo sistemi di produzione e distribuzione alimentare sostenibili;

- il Goal n. 4, per contribuire allo sviluppo di una cultura sostenibile;

- il Goal n. 8 per migliorare le nostre condizioni di vita senza distruggere o danneggiare le risorse per chi verrà dopo di noi e infine

- il Goal n. 13 per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze.


Pubblicata il 04 giugno 2018