Progetto "Edifici viventi". Un piano d'azione per salvare i rondoni nei centri storici

Un progetto compiuto, che assume le caratteristiche di un servizio, per la sua capacità di connettersi con le politiche pubbliche locali e per le sue caratteristiche di progetto pilota esportabile in altri contesti urbani

Questa è la motivazione con cui la commissione della fondazione Persona Ambiente ha assegnato al nostro liceo il primo premio al concorso, “Ambiente e Territorio – Umberto Chiarini”, riservato alle scuole delle province di Cremona, Mantova, Parma e Reggio Emilia. Il nostro progetto, che vede la partecipazione di 5 classi (2H, 2E, 3E, 4F, 4H), 5 docenti (Beseghi in qualità di coordinatore, Dallafiora, Ferrarese, Giordani, Lippi) e numerose associazioni che operano nella conservazione della natura, è basato su un alto grado di cooperazione e di innovazione. Gli studenti dell’Ulivi, guidati da esperti ornitologi e dai loro docenti di Scienze Naturali, mapperanno tutto il centro storico di Parma per documentare presenze e consistenze numeriche di Rondini, Rondoni e Balestrucci. Parallelamente, durante l’attuazione del progetto, verrano fissati nella nostra scuola, previa autorizzazione da parte di Provincia e Soprintendenza, 20 nidi artificiali per Rodoni.

Si rammenta che le specie considerate, protette da normative internazionali e dalla legge italiana, non sono, di fatto, adeguatamente tutelate in quasi nessun comune d’Italia, pur essendo componenti importanti della biodiversità e in grado di influire positivamente sulla salute umana. Rondini, Rondoni e Balestrucci si nutrono di un gran numero d’insetti, tra cui potenziali vettori di agenti patogeni. In particolare, è stato documentato che una coppia di Rondini, durante ogni covata, elimina 150.000 insetti (al 90% mosche e zanzare) Pertanto non bisogna assolutamente confondere i piccioni, la cui presenza in città è decisamente problematica, con le specie sopracitate che sono preziose alleate della salute umana! La Rondine è un potente insetticida naturale…

Nella foto da sinistra Giuseppina Pedrazzini ed Annamaria Gallio (membri commissione bando Chiarini), il prof. Andrea Beseghi e Damiano Chiarini (presidente associazione "Persona Ambiente")


Pubblicata il 24 gennaio 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.